sabato, Giugno 22, 2024
HomeCronacaNo all’agrivoltaico di facciata, la speculazione energetica non deve fare perdere terreni...

No all’agrivoltaico di facciata, la speculazione energetica non deve fare perdere terreni agricoli

Continua in tutte le campagne torinesi la corsa all’accaparramento di terreni per l’installazione di centrali a
pannelli fotovoltaici
. Un fenomeno che sta facendo aumentare i prezzi dei terreni e sottrae campi agli
agricoltori che li hanno sempre coltivati in affitto.

Il rischio è che la nuova speculazione energetica trasformi i terreni agricoli in distese di pannelli che non produrranno più cibo.


L’approvazione da parte della Giunta regionale del Piemonte della delibera che fornisce “Indicazioni
sull’installazione di impianti fotovoltaici nelle aree agricole di elevato interesse agronomico” detta la nuove
regole per la diffusione dell’agrivoltaico ma occorre prestare grande attenzione a non consumare suolo
agricolo e perderlo per sempre.


«La delibera regionale sui campi fotovoltaici – osserva il presidente di Coldiretti Torino, Bruno Mecca Cici –
continua a salvaguardare i terreni più produttivi (in I e II classe di fertilità) e aggiunge nelle “aree agricole di
elevato interesse agronomico” potranno essere installati esclusivamente impianti di tipo agrivoltaico.

Tra le aree agricole di elevato interesse agronomico rientrano le aree appartenenti agli areali individuati dai
disciplinari delle produzioni agricole vegetali a Denominazione di Origine Protetta (D.O.P.), ad Indicazione
Geografica Protetta (I.G.P.), a Denominazione di Origine Controllata (D.O.C.) e Garantita (D.O.C.G.); i terreni
agricoli e naturali ricadenti nella prima e seconda classe di capacità d’uso del suolo costituiti dai territori
riconosciuti come appartenenti alla I e II classe nella “Carta della capacità d’uso dei suoli del Piemonte”.

Ma la delibera esprime anche il “principio di continuità” della produzione agricola cioè il mantenimento di
almeno il 70% del valore della produzione agricola negli ultimi cinque anni produttivi. Dobbiamo, quindi,
vigilare che la produzione agricola nei campi fotovoltaici sia effettivamente mantenuta e che non sia
utilizzata solo come stratagemma di facciata per mascherare la vera ragione per cui stiamo assistendo alla
corsa all’acquisto dei terreni per realizzare centrali fotovoltaiche: la speculazione energetica attirata dagli
incentivi».


Coldiretti Torino non accetterà che le nostre produzioni alimentari di eccellenza e quelle di cui c’è grande
carenza nei mercati mondiali come mais e grano siano sacrificate per fare posto a coltivazioni inesistenti.
«Sotto i pannelli si dovrà fare agricoltura vera, produttiva e redditizia. Non vogliamo vedere distese di
impianti dove la “parte agricola” sia giustificata da produzioni che esistono solo sulla carta. L’agrivoltaico
non deve farci perdere nemmeno un ettaro di coltivazioni vere».

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Recent Comments